Luglio

Luglio è una rielaborazione estemporanea del dialogo privato con la sound artist berlinese Felicity Mangan. Ogni collaborazione inizia con uno scambio di immagini e testi che precede l’incontro di persona, una mappa da seguire e tradire durante la presentazione. Le performance Luglio, nella loro forma duttile, sono attivate da entrambe sul palco, l’una alla pari con l'altra nel trattenere e rimodellare il morphing psicografico e l'immediato paesaggio.

La danza esplora il corpo come materiale malleabile e mutevole, trasformando lo spazio in un luogo in un processo di divenire in continuo cambiamento. Per la costruzione dello spazio sonoro, Felicity Mangan esplora il timbro delle voci di animali e field recordings per creare ambienti bioacustici minimali.

Il titolo Luglio, anch'esso di natura cangiante, assume variazioni di volta in volta derivate dagli spazi abitati dalla performance.

Luglio fa parte del progetto coreografico ARCIPELAGO/PRATICHE DI ABITAZIONE TEMPORANEA, azioni costruite e vissute in spazi non teatrali.

Finora ha avuto luogo a:
Firenze (Hortus Festival, 2020 ),
Berlino (Schloss Biesdorf, a cura di Creamcake, 2020),
Bologna (Cimitero Monumentale della Certosa, 2021).

Sull'azione salutare del magnetismo animale e della musica

Concepita per alcune delle aree visitabili del Cimitero Monumentale della Certosa di Bologna, la performance nasce dallo scambio di suggestioni che hanno indagato lo spazio immobile e silenzioso del cimitero, come un luogo vibrante di particolari forme di informazioni. Tra le figure osservate, i coniugi Anna Bonazinga D’Amigo e Pietro D’Amato, lei sensitiva, sonnambula e guaritrice, lui fondatore della Società Magnetica d’Italia, entrambi celebri cultori del mesmerismo, hanno contribuito ad alimentare un approccio conoscitivo basato sulle possibili relazioni e trasmissioni materiche tra le diverse entità, minerali, vegetali e animali, che abitano il cimitero.

In questo contesto, le artiste hanno invitato la danzatrice e coreografa Cristina Kristal Rizzo a relazionarsi con l’ambiente da loro concepito, nel tentativo di portare le loro intuizioni altrove, grazie al linguaggio e alla sensibilità corporea di un’altra autorialità.

Con la partecipazione di Cristina Kristal Rizzo.
Si ringrazia Caned Icoda per la consulenza e i tessuti.
A cura di Caterina Molteni, promossa da Istituzione Bologna Musei, MAMbo, Museo Civico del Risorgimento con la collaborazione di Bologna Servizi Cimiteriali.

Echolocation

Luglio. Echolocation si realizza in un ex campo da tennis e trae ispirazione dalle tattiche biosoniche e agli stridii inudibili della colonia di pipistrelli dello Schloss Biesdorf di Berlino. Ajmore esplora il corpo come materiale malleabile e mutevole, trasformando lo spazio in un luogo e in un processo in divenire, in continuo cambiamento. Mangan gioca con il suono di insetti e uccelli biotici che presentano bioritmi mutati di voci di animali vivi ed estinti.

3hd è un festival ibrido curato e organizzato da Creamcake, specializzato in musica, performance e arti visive come forze per porre domande più profonde sulla politica e l'identità, la comunità e la comunicazione.

Foto Ink Agop © Creamcake