ATTIKA (Premiere  June 2019)

Un progetto infinito di Annamaria Ajmone e Industria Indipendente (Martina Ruggeri e Erika Z. Galli)


 

 

1/1

Attika è un progetto infinito di Annamaria Ajmone e Industria Indipendente. 
Attika è l’incontro tra le nostre ricerche, dei nostri corpi e dei nostri desideri.
Attika è un patto: la fondazione di uno spazio-tempo-aperto in cui 
il paesaggio, le azioni, i corpi e le parole si confondono, imprimendo nei nostri occhi la possibilità di un’azione decisiva.

Attika è un corpo invisibile che prende e cambia forma.
Attika legge, osserva, trasforma, esplode, tramonta, torna indietro e avanti nel tempo.
Attika è tutto quello che un soggetto-oggetto contiene: i suoi significati e connotati espliciti, il suo potere immaginativo e il suo portato simbolico. 
Attika prende le mosse da quello che esiste per sovraesporlo, rifletterlo, praticarlo.
Attika ridefinisce gli spazi non solo per abitarli ma per riconoscerli, risignificarli, liberarli. 
Attika considera la Natura come “tutto quello che è” e “tutto quello che potrebbe non più essere”.
Attika moltiplica i significati. 
Attika è xeno-iper-extra perché non guarda al solo umano, ma all’extraumano, al naturale e all’antinaturale, nel tentativo di ridefinire le relazioni tra tutte le forme di esistenza che abitano questa nuova fine del mondo.